Mortalità aumentata del 49% in 12 anni: il disastro ambientale della Tirreno Power

Webinar 03/09/2019 | Atti del webinar e registrazione
3 Settembre 2019
London 06/09/2019 | Seminar proceedings
5 Settembre 2019

Una ricerca dell’Istituto di fisiologia clinica del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr-Ifc) indica come a Vado Ligure (Savona) nell’arco di 12 anni (2001-2013) si sia registrato un picco di mortalità pari al 49% nell’area della centrale a carbone Tirreno Power.

“Ci sono stati forti eccessi di rischio di mortalità prematura e ricovero ospedaliero per i residenti intorno alla centrale a carbone di Vado Ligure, con numerosi eccessi di mortalità e ricovero in ospedale, in particolare per le malattie cardiovascolari e respiratorie” spiega il ricercatore Fabrizio Bianchi, ed è la prima volta che viene effettuata una vera e propria quantificazione del rischio relativo all’inquinamento delle centrali a carbone.

Articolo completo su: genova.repubblica.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *