7 Gennaio 2022

Tassonomia verde UE: perché gas e nucleare devono rimanere fuori

Il think tank italiano ECCO ha pubblicato un policy briefing intitolato “Tassonomia: il gas vince sulle rinnovabili e depotenzia la finanza sostenibile” con il quale evidenzia tutte le criticità connesse all’eventuale decisione della Commissione Europea di far rientrale gas e nucleare tra le tecnologie sostenibili (è un po’ un ossimoro scrivere gas e nucleare a fianco di sostenibile).

  • La Commissione europea ha pubblicato la bozza del nuovo atto delegato della tassonomia verde, che include gas e nucleare. L’Italia dovrebbe rispondere alla consultazione opponendosi a questa inclusione, sia per motivi di merito tecnico-scientifici che di inadeguatezza rispetto ai fini dello strumento.
  • Gas e nucleare non hanno posto in una tassonomia verde. La loro inclusione mina l’efficacia della tassonomia stessa. È invece auspicabile un dibattito serio per stabilire a quali condizioni e in quali settori queste tecnologie possano giocare un ruolo di transizione. Ma lo strumento della tassonomia verde, il cui fine è fornire chiarezza alla finanza privata sulla natura sostenibile di una tecnologia, sicuramente non è quello adatto.
  • Entrando nel dettaglio della proposta, le condizioni poste perché nuove centrali a gas fossile siano considerate verdi risultano inadeguate nella pratica e inefficienti. In particolare, andrebbe come minimo rimossa la clausola di emissione altamente permissiva di 550kg di CO2e per kW installato su 20 anni.

Scarica il policy briefing completo in versione PDF, qui.

Grafica italia solare forum 01

Associazione ITALIA SOLARE

info@italiasolare.eu
italia-solare@pec.it

Via Passerini, 2
20900 – Monza (MB)
C.F. 94631630152
P.IVA 09906300968