Notizie

Le analisi a cura dell’ENEA sul quarto trimestre 2017 mostrano come a fronte di un aumento dei consumi di energia, si sia riscontrato un calo (benché leggero, solo un -0,5%) delle emissioni di CO2.

I dati possono dar vita a un prudente ottimismo: in Italia la prima fonte energetica resta il gas naturale, con il suo saldo 36,5%, mentre il consumo di petrolio vede un lieve calo rispetto al 2016, assestandosi al 34% del mix energetico nazionale.

L’energia rinnovabile – eolico e solare – vedono un aumento dell’8% nel 2017, soddisfacendo il 19% del fabbisogno nazionale. Un buon risultato, che permette all’Italia di rimanere al di sopra del target europeo, benché ciò non sia sufficiente (sempre secondo le previsioni ENEA) per raggiungere l’obioettivo del 28% nel 2030.

Maggiori dettagli sulla situazione nell’articolo completo pubblicato su nextville.it.

18 Aprile 2018
rinnovabili

Sistema energetico italiano: dati di fine 2017

Le analisi a cura dell’ENEA sul quarto trimestre 2017 mostrano come a fronte di un aumento […]
13 Aprile 2018

Giappone, sorpasso elettrico più colonnine che distributori

40.000 punti di ricarica contro 31.166 stazioni di servizio a carburante fossile Le grandi case […]
6 Aprile 2018

Nuovi record nel mondo per solare e rinnovabili

Nel 2017, nel mondo sono stati installati 98 gigawatt di energia solare, più di qualunque […]
1 Aprile 2018

Il riscaldamento globale cambia il consumo elettrico in Europa

Il consumo complessivo di energia elettrica nel continente europeo nei prossimi decenni rimarrà quasi costante, […]