Comunicati Stampa

Il 74% degli operatori ha registrato un calo degli ordini dall’inizio della crisi

Webinar ITALIA SOLARE: Impatto del Covid-19 sul FV in Italia, 3 aprile 2020

Monza, 26 marzo 2020 – In questo momento sembra che nessuno sia immune al Covid-19, nemmeno il solare fotovoltaico. Le ricadute della pandemia stanno avendo un impatto evidente sia sulle catene di fornitura sia sulla domanda.

ITALIA SOLARE, tra l’11 e il 13 marzo, ha condotto un’indagine sugli associati operatori per capire come l’emergenza Covid-19 stia avendo i suoi effetti su tutta la catena del fotovoltaico e quali possano essere le soluzioni per affrontare il post-emergenza.

Le figure coinvolte nell’indagine sono state installatori di impianti FV, progettisti, distributori, produttori di materiali, EPC- General Contractor – O&M e sviluppatori di impianti.

Se all’inizio della diffusione del Coronavirus in Cina si è temuto che la mancanza di forniture potesse mettere in difficoltà la realizzazione degli impianti senza tuttavia impattare sull’attività quotidiana, oggi la situazione è differente, gli operatori si trovano nell’impossibilità di chiudere i cantieri aperti e di sviluppare nuovo business.

Il 74% degli operatori ha registrato un calo degli ordini dall’inizio della crisi, con una riduzione che va dal 10 al 30% per il 40% degli intervistati, e c’è addirittura un 10,6 % che ha registrato una diminuzione tra il 70 e l’80%. Sull’arco temporale dei prossimi 4 mesi lo scenario non è roseo; 2 su 5 tra chi ha risposto prevede un calo di oltre il 50 percento degli ordini prima dell’estate.

In termini di prezzi la maggioranza degli operatori non ha registrato un aumento dall’inizio della crisi a oggi, fatta eccezione per un 20% che invece ha rilevato per la metà dei casi un aumento tra il 5 e il 10%. Anche su una prospettiva semestrale non ci sono particolari timori, se non per il 7% degli intervistati che temono in un rialzo dei prezzi di oltre il 15%, mentre il 35% stima un rincaro tra il 5 e il 10%.

Sul fronte degli approvvigionamenti, se a oggi la metà degli intervistati non ha registrato problemi, da qui alla fine del primo semestre il 79% degli operatori stima di avere dei problemi.

Tra le principali difficoltà riscontrate in questo periodo la possibilità di chiudere i lavori, ma anche di avviare lavori già appaltati e la possibilità di effettuare sopralluoghi.

Per superare la crisi gli operatori chiedono al governo soprattutto di intervenire con un incremento del credito d’imposta per le aziende e un incremento della percentuale di detrazione fiscale per l’installazione di impianti FV per persone fisiche, ma anche con contributi a fondo perduto e finanziamenti dedicati.


 

ITALIA SOLARE organizza il prossimo 3 aprile dalle 15,00 alle 16,30 un webinar dedicato al tema: Impatto del Covid-19 sul FV in Italia, per fare il punto sulle novità normative che interessano l’industria fotovoltaica italiana e le proposte di ITALIA SOLARE a sostegno del settore.

 

26 marzo 2020
Pv_module_lamination_05

Emergenza Covid-19, già presenti gli effetti sull’industria fotovoltaica

Il 74% degli operatori ha registrato un calo degli ordini dall’inizio della crisi Webinar ITALIA […]
17 febbraio 2020
comunità energetiche

Comunità energetiche, l’approvazione nel Milleproroghe è un passo avanti per l’Italia verso la transizione energetica

Monza, 17 febbraio 2020 – L’approvazione delle comunità energetiche nel decreto Milleproroghe è un’ottima notizia […]
30 gennaio 2020
referee-1149014_1920

ATER e ITALIA SOLARE scrivono al ministro Patuanelli in merito alla nuova disciplina delle sanzioni

Le associazioni Ater e ITALIA SOLARE scrivono al Ministro per lo Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli, per esprimere la loro posizione in merito alla nuova disciplina delle sanzioni come previsto dall’art. 13-bis della legge n. 218 del 2 novembre 2019
23 gennaio 2020
solar-cells-191689_1920

ITALIA SOLARE su PNIEC: buone le intenzioni, ma ancora troppo deboli gli obiettivi e incerta la strada per raggiungerli

Il Piano Integrato Energia e Clima che il governo italiano ha presentato a Bruxelles continua a essere un piano timido nei suoi obiettivi di decarbonizzazione e con indicazioni spesso generiche su come raggiungere il traguardo al 2030