Mai sprecare una crisi: per un recupero sostenibile da COVID-19

Le ultime generazioni, compresa la nostra, hanno vissuto – e stanno ancora vivendo – quattro crisi globali. Ma la buona notizia è che questa volta abbiamo la possibilità di scegliere un percorso socio-ambientale sostenibile e resiliente. L’opinione di un’esperta di sviluppo sostenibile, la professoressa Phoebe Koundouri

Phoebe Koundouri è Professore di Sviluppo Sostenibile presso l'Università di Economia e Commercio di Atene, Presidente eletto dell’European Association of Environmental and Resource Economists e Co-Chair di UN SDSN Grecia

Phoebe Koundouri è Professore di Sviluppo Sostenibile presso l’Università di Economia e Commercio di Atene, Presidente eletto dell’European Association of Environmental and Resource Economists e Co-Chair di UN SDSN Grecia

La pandemia di COVID-19 ha chiaramente dimostrato la capacità dei governi di adottare misure drammatiche per mitigare una minaccia esistenziale, così come la capacità delle persone, almeno nel breve periodo, di adattarsi a nuovi stili di vita limitanti imposti da queste misure. Un secondo messaggio è che i tempi di attuazione delle misure sono cruciali per la loro efficacia nel salvare vite umane. Un terzo messaggio è che la risposta al COVID-19 è arrivata dagli Stati nazionali, mentre le Organizzazioni internazionali mancano di una risposta esplicita e imminente.

Le misure che possono aiutare a risolvere la crisi sanitaria possono peggiorare la crisi economica e viceversa. L’obiettivo delle misure relative alla salute (principalmente un rigido isolamento sociale) è quello di ritardare la pandemia nel tempo, per “appiattire la curva della pandemia”. L’appiattimento di questa curva permette di guadagnare tempo per aumentare drasticamente la capacità del settore sanitario: più letti, più ventilatori, più maschere facciali, più test, più operatori sanitari, più finanziamenti per i vaccini, più test, più tracking. L’appiattimento della curva di infezione, tuttavia, inevitabilmente accentua la curva di recessione macroeconomica e mette in pericolo tutte le catene di fornitura, comprese quelle cruciali per la sopravvivenza umana (cibo e medicine). Una moderna socio-economia è una complessa rete di stakeholder e catene di fornitura interconnesse: lavoratori, imprese, fornitori, consumatori, fornitori di tecnologia, società civile, istituzioni finanziarie, politici, politici. Rigide misure di isolamento portano alla chiusura di questa complessa rete e minacciano di distruggere i collegamenti che permettono alla socio-economia di funzionare.

Continua la lettura dell’articolo su Foresight (in inglese)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *