Federica Musto

Una sottilissima lastra di silicio depositata su una base di zaffiro in una struttura bidimensionale del tutto simile a quella del grafene: ecco la possibile rivoluzione per il fotovoltaico, scoperta grazie a una ricerca coordinata da Alessandro Molle dell’Istituto per la microelettronica e microsistemi del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Imm) di Agrate Brianza e da Stefano Lupi dell’Università La Sapienza di Roma.

Questa nuova struttura consentirebbe al silicio di assorbire la luce anche in una parte dello spettro ottico cui la struttura tridimensionale in cui oggi è utilizzato non ha accesso, e fare sì che i portatori di carica si comportino come se fossero fotoni, aprendo così le porte a molte sperimentazioni.

Articolo completo su: lescenze.it

31 gennaio 2019
pannelli pv

Il futuro del fotovoltaico è il silicio bidimensionale

Una sottilissima lastra di silicio depositata su una base di zaffiro in una struttura bidimensionale del […]
29 gennaio 2019
blockchain

Internet dell’energia e i blockchain

La digitalizzazione sta cambiano rapidamente il settore energetico. Uno degli strumenti digitali che più ha […]
24 gennaio 2019
riscaldamento oceani

Il riscaldamento estremo dei nostri oceani

Oltre il 90% del calore del riscaldamento globale si deposita negli oceani; questo dato da […]
21 gennaio 2019
crypto-currency-bitcoin

Il costo energetico dei Bitcoin

Le criptovalute sono da molti considerate la moneta del futuro. Ma che impatto ambientale ha il loro […]