Federica Musto

Si chiamano stratocumuli e sono le nubi che si raggruppano in spessi strati al di sopra degli oceani e che, globalmente, possono riflettere tra il 4% e il 7% dell’irradiazione solare.

Ma una ricerca condotta dal California Institute of Technology di Pasadena dimostrerebbe che se l’anidride carbonica disciolta nell’aria dovesse triplicale i suoli livelli attuali, la temperatura aumenterebbe tanto da disgregare questi cumuli di nubi dense – che necessitano di irradiare calore nell’atmosfera superiore per conservarsi – cessando così di fungere da specchio per l’energia solare e incrementando ancora di più il riscaldamento dell’atmosfera.

Articolo completo su le scienze.it

5 marzo 2019
nubi mare oceano

La CO2 disperde le nubi causando un aumento drastico della temperatura.

Si chiamano stratocumuli e sono le nubi che si raggruppano in spessi strati al di […]
2 marzo 2019
verona 1 marzo 2019

Verona 01/03/2019 | Atti del convegno

Asset Management: le buone pratiche per la corretta gestione degli impianti FV Atti del convegno […]
25 febbraio 2019
pannelli solari fotovoltaico

Pubblicato il Rapporto Energia da fonti rinnovabili in Italia – 2017

Il GSE informa che è disponibile on-line il Rapporto Energia da fonti rinnovabili in Italia – […]
25 febbraio 2019
incendio

Cambiamento climatico e crisi economiche: sono strettamente collegati

Visione di ITALIA SOLARE sui cambiamenti climatici e la transizione energetica L’Istituto di Ricerca sulle […]