ITALIA Solare

Il CEI ha pubblicato le nuove versioni delle Norme CEI 0-21 (Connessione alla rete BT) e CEI 0-16 (Connessione alla rete MT).

Le variazioni oggetto delle nuove versioni interessano anche le protezioni di interfaccia.

Sarà l’Autorità dell’Energia a definire ufficialmente le date di entrata in vigore (come indicato nella prima pagina della Norma) delle nuove versioni. Fino a tale data restano valide le regole attuali. Pertanto le attuali protezioni sono ancora valide.

Le principali modifiche e considerazioni che coinvolgono le Protezioni di Interfaccia sono:

CEI 0-21

  • Estensione del campo di applicazione della norma anche per potenze inferiori a 1kW. In questi casi le protezioni di interfaccia sono generalmente realizzate dagli inverter.
  • La Protezione di Interfaccia dedicata è obbligatoria per potenze superiori a 11,08kW (pag. 77, art.8.6.2), invece dei precedenti 6kW.
  • E’ cambiata l’accuratezza di misura delle tensioni, ≤ 1% (pag.98 , allegato A.4). Sono cambiate soglie interne di funzionamento – rapporto e tempo di ricaduta protezione 59.S1 (pag.99,   allegato A.4). Per i nuovi impianti, a partire dalla data che comunicherà AEEGSI, sarà possibile installare solo protezioni certificate nel rispetto della nuova norma.
  • La definizione dei segnali su protocollo CEI EN 61850 è ancora allo studio (pagina 77, nota 55).

CEI 0-16

  • Nessuna variazione che interessi le protezioni di interfaccia.
19 settembre 2016

Protezioni di Interfaccia: novità con gli aggiornamenti della CEI 0-16 e 0-21

Il CEI ha pubblicato le nuove versioni delle Norme CEI 0-21 (Connessione alla rete BT) […]
19 settembre 2016

Pompe di calore: come calcolare gli incentivi?

Assoclima pubblica sul suo sito uno strumento di facile utilizzo per calcolare gli incentivi che spettano per l'utilizzo di pompe di calore
19 settembre 2016

Fare risparmio energetico con il FV

Un innovativo e accurato sistema di monitoraggio e ottimizzazione di tutte le tipologie di consumo energetico
16 settembre 2016

Sistemi di accumulo: 180 euro al kWh nel 2020?

I Sistemi di Accumulo sono già convenienti oggi. A rivelarlo è una ricerca di Mckinsey