ITALIA Solare

Comunicato stampa

Solare e Acqua insieme contro i cambiamenti climatici

Firmato un protocollo di intesa globale per lo sviluppo e la promozione delle tecnologie per la desalinizzazione abbinate al solare fotovoltaico

Monza, 30 ottobre 2017 – Il Vice Presidente di ITALIA SOLARE Gianni Chianetta, nonché co-chairman del Global Solar Council (GSC), ha firmato in rappresentanza di quest’ultimo un protocollo d’intesa con IDA, l’associazioni mondiale dell’industria della desalinizzazione.

L’accordo è stato firmato lo scorso 18 ottobre a San Paolo del Brasile durante l’IDA World Congress.

L’Agenzia Internazionale per l’Energia ha stimato al 4% la quantità di energia elettrica prodotta a livello globale al servizio dell’acqua. Dato destinato a raddoppiare entro il 2040, principalmente per l’incremento della dissalazione e del riciclo dell’acqua.

“Anche in Italia, viste le previsioni di siccità – dichiara Gianni Chianetta – dovremmo spingere su questa cooperazione con le aziende dell’acqua. L’accordo tra GSC e IDA potrà certamente supportare questo nuovo mercato del FV anche in Italia. Il solare FV abbatte il costo dell’acqua, riduce le emissioni, e consente di produrla localmente evitando le perdite nella distribuzione che oggi superano talvolta anche il 50%.”

Scarica il comunicato in versione ingleseScarica il testo integrale del protocollo d'intesa

Photo byMatteo Caracini

30 ottobre 2017
garagolo_caracini

Solare e Acqua insieme contro i cambiamenti climatici

Firmato un protocollo di intesa globale per lo sviluppo e la promozione delle tecnologie per la desalinizzazione abbinate al solare fotovoltaico
27 ottobre 2017

Cumulabilità Conto Energia e Tremonti Ambientale: si faccia chiarezza

ITALIA SOLARE, in una lettera, chiede al GSE di prendere una posizione chiara
26 ottobre 2017

Quanta produzione energetica perde un impianto per effetto del soiling?

Per il problema del soiling negli impianti fotovoltaici, una soluzione dalla ricerca made in Italy
23 ottobre 2017

Del. 786/2016 | ITALIA SOLARE scrive all’Autorità per l’Energia

Rivedere le scadenze per mettere tutti gli attori coinvolti – gestori, operatori e produttori - in condizioni di chiarire tutti gli aspetti di difficile interpretazione