ITALIA Solare

Comunicato stampa

ATER e ITALIA SOLARE scrivono al ministro Patuanelli in merito alla nuova disciplina delle sanzioni: la logica della salvaguardia deve essere perseguita

Monza, 28 gennaio 2020 – Le associazioni Ater e ITALIA SOLARE scrivono al Ministro per lo Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli, per esprimere la loro posizione in merito alla nuova disciplina delle sanzioni come previsto dall’art. 13-bis della legge n. 218 del 2 novembre 2019.

Premesso che la logica del taglio delle tariffe come unica tipologia di sanzione appare sbagliata ed esagerata e che si auspica un drastico cambiamento di rotta per il futuro, dovendo però considerare adesso il decreto sanzioni in essere, secondo le due associazioni l’applicazione delle sanzioni dovrebbe seguire una logica di salvaguardia della produzione di energia da fonti rinnovabili – anche in virtù degli obiettivi comunitari esplicitati dal PNIEC – e delle aziende e dei privati che hanno investito nella produzione di energia da fonti rinnovabili.

“Tale logica – spiegano le associazioni – dovrebbe portare a impostare le sanzioni con decurtazioni massime del 10% fatto salvo i casi accertati nei quali è in corso un procedimento penale, in modo da ridurre il rischio di perdite, parziali o totali, delle produzioni energetiche degli impianti fotovoltaici”.

Infatti qualsiasi taglio delle tariffe, anche minimo, ricordano Ater e ITALIA SOLARE, si traduce in seri problemi di sostenibilità finanziaria delle aziende di riferimento, con inevitabili difficoltà a garantire la continuità della manutenzione degli impianti stessi e quindi la loro operatività. Inoltre, è importante evitare l’applicazione di riduzioni tariffarie in presenza di errori o imprecisioni che possono essere rimediati dal soggetto responsabile risolvendo la mancanza o fornendo un’adeguata spiegazione sulle ragioni che hanno portato al verificarsi dell’imprecisione.

In particolare, le associazioni suggeriscono di limitare i casi di decadenza assoluta ai soli impianti oggetto di procedimenti penali in corso o definiti con sentenza.

Al fine di incentivare le attività di revamping le associazioni raccomandano  la possibilità di sanare senza conseguenze eventuali violazioni effettuate in fase di ripristino/miglioramento dell’impianto o di interventi di manutenzione in genere. In ogni caso, eventuali sanzioni dovrebbero essere applicate per limitati periodi temporali e non certo su tutto il periodo residuo dell’incentivo e quindi ancor meno sul passato. Si ritiene pertanto opportuno  riflettere sull’applicazione di periodi di “prescrizione”.

Infine, le associazioni esortano il ministro affinché il testo del decreto “controlli” sia posto in consultazione prima della sua adozione finale.

 

30 Gennaio 2020

ATER e ITALIA SOLARE scrivono al ministro Patuanelli in merito alla nuova disciplina delle sanzioni

Le associazioni Ater e ITALIA SOLARE scrivono al Ministro per lo Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli, per esprimere la loro posizione in merito alla nuova disciplina delle sanzioni come previsto dall’art. 13-bis della legge n. 218 del 2 novembre 2019
23 Gennaio 2020

Webinar 23/01/2020 | Atti del webinar

Novità fiscali 2020 in ambito FV Atti del webinar Energy srl | Company Profile MC Energy | Company […]
23 Gennaio 2020

ITALIA SOLARE su PNIEC: buone le intenzioni, ma ancora troppo deboli gli obiettivi e incerta la strada per raggiungerli

Il Piano Integrato Energia e Clima che il governo italiano ha presentato a Bruxelles continua a essere un piano timido nei suoi obiettivi di decarbonizzazione e con indicazioni spesso generiche su come raggiungere il traguardo al 2030
23 Gennaio 2020

Procedure PAUR per l’autorizzazione di impianti da fonte rinnovabile: ITALIA SOLARE scrive a Regioni e Province per mappare lo stato dell’arte

ITALIA SOLARE ha scritto a Regioni e Province - e per conoscenza al Ministero dell’Ambiente e dello Sviluppo Economico - con l’obiettivo di informare tutti gli enti della procedura di PAUR e tracciare un quadro chiaro di quali enti hanno oggi attuato il PAUR