ITALIA Solare

In che modo la finanza può aiutare la battaglia iniziata a Parigi per affrontare i cambiamenti climatici e come può contribuire a promuovere lo sviluppo delle tecnologie a basso contenuto di carbonio in un’ottica di uscita dalle fonti fossili. Questi i temi affrontati ieri mattina dall’economista inglese Paul Ekins,Direttore dell’Institute for Sustainable Resources all’University College London (UCL), in un intervento all’Università Bocconi di Milano nell’ambito del convegno “Post COP21 Scenarios”.

Continua a leggere su qualenergia.it

11 marzo 2016

Clima e rinnovabili, quali opportunità dopo la CoP21?

L’economista inglese Paul Ekins, direttore dell’Institute for Sustainable Resources all’University College London, ha spiegato a Milano quali sono le opportunità di investimento nelle tecnologie low carbon dopo la CoP 21. Indispensabili politiche forti per orientare i comportamenti del mondo finanziario
11 marzo 2016

Fotovoltaico con accumulo, in Germania ora lo offrono anche le utility

E.On da aprile inizierà ad offrire ai propri clienti kit fotovoltaico+storage. Anche RWE guarda con interesse agli accumuli lato utente. In Germania le società elettriche hanno capito che per non essere danneggiate dal fenomeno "prosumer" devono integrarlo nei loro business model
11 marzo 2016

Fotovoltaico italiano, nel 2015 un mercato da 301 MW

Nel 2014 si erano installati 424 MW fotovoltaici. Per l'eolico la nuova potenza 2015 è di 423 MW. Le fonti rinnovabili sono al 17,3% dei consumi finali lordi, tre punti oltre il target 2020. I dati preliminari pubblicati dal GSE assieme a quelli delle altre fonti rinnovabili
29 febbraio 2016

Come reinventare i mercati dell’energia dopo la COP 21

La IEA pubblica una guida dedicata a governi, regolatori, aziende e investitori che illustra come passare a una produzione energetica a basso tenore di carbonio