ITALIA Solare

Il crollo del greggio sotto i 30 dollari ha avuto sicuramente il suo peso. Ma sarebbe riduttivo attribuirne il merito soltanto al calo del prezzo del petrolio, pur quanto significativo. In realtà, quanto sta accadendo nel settore dell’energia negli Stati Uniti è il frutto delle scelte avviate negli Stati Uniti con l’amministrazione Obama, che ha intuito – a assecondato – i cambiamenti economici e tecnologici già in atto.

È questo il quadro in cui leggere la notizia  riportata da uno studio della Solar Foundation, una organizzazione non governativa che promuove la green economy, intitolato “National Solar Job Census“: vi si legge che negli Stati Uniti, per la prima volta nel 2015, i lavoratori del settore fotovoltaico hanno superato quelli impegati nel settore oil&gas.

Continua a leggere su Behind Energy

28 gennaio 2016

Negli Usa, il solare produce più posti di lavoro del petrolio

Per la prima volta nel 2015, gli occupati del settore fotovoltaico degli Stati Uniti – cresciuti per il terzo anno consecutivo del 20 per cento – hanno superato quelli impiegati nell’oil&gas. Nel 2016 è previsto un ulteriore rialzo, in particolare per la categoria degli installatori
27 gennaio 2016

Buone ragioni per evitare il fotovoltaico

Video realizzato dalla Lega per la distruzione del pianeta
25 gennaio 2016

Teledistacco impianti FV in MT superiori a 100 kWp

Teledistacco: adeguamento impianti eolici e fotovoltaici in media tensione con potenza maggiore o uguale a 100 kW
21 gennaio 2016
impianto FV

ABOLIZIONE SEU: GOVERNO ANCORA CONTRO LE RINNOVABILI

Comunicato stampa congiunto Adusbef, Codici, ITALIA Solare, Greenpeace, Kyoto Club, Legambiente e WWF criticano duramente il MiSE